Ricordi di un’estate on the road

Il viaggio dell’estate 2017 parte rigorosamente dalla lettera A come Alsazia. E’ la regione del Gewürztraminer, delle cicogne, delle colorate casette a graticcio, dei canali che percorrono questi bellissimi borghi. Una cosa per volta .
La partenza da Bologna prevede una piccola tappa iniziale ad Annecy (in questo post racconterò di questa graziosa perla della Savoia).
Salutata la soleggiata Savoia e le Alpi francesi ci dirigiamo verso Colmar dove ci fermeremo per 3 notti . A darci il benvenuto una pioggia scrosciante. Niente paura, ombrello alla mano e via alla scoperta di questa romantica  chicca della nostra amata Francia. Fortunatamente il temporale ci da’ un po di tregua per le restanti ore del pomeriggio. Colorate case si rispecchiano nei canali della città e ponti agghindati di fiori fanno di Colmar un luogo estremamente romantico e dolce. Molte insegne dei negozi ,tutte così particolari ed uniche, sono state  ideate da Hansi, uno scultore locale celebre in tutto il mondo per la sua arte.

Purtroppo la perturbazione non ci abbandona, così decidiamo di rimandare al giorno successivo la strada dei vini, perchè il tempo sembrava prometterci un miglioramento. Quindi il secondo giorno, lo dedichiamo alla visita di Friburgo (ve ne parlerò in un altro post) che seppur già in Germania si raggiunge in un’oretta di macchina.
Finalmente è arrivato il giorno che io stavo aspettando, la visita vera e propria ai paesini caratteristici di questa regione. Dopo una colazione nella piazzetta della soleggiata Eguisheim, iniziamo a visitarla. La città è a pianta concentrica, per cui molto particolare. Graziosissime stradine di case a graticcio abbellite ancor di più da cascate di fiori coloratissimi. Fermati un attimo, guarda in cielo e non puoi non accorgerti di tutti i nidi di cicogne che si trovano sui comignoli .So sweet! ❤

Ovviamente persa la cognizione del tempo, ci siamo diretti verso Kayserberg, un borgo piccolissimo sovrastato dalla rocca abbandonata. Salite fino in cima, ne vale la pena. Da lì potrete ammirare i vigneti che vi circondano , spettacolo puro. Rigenerazione mentale  in corso…

Dopo pranzo abbiamo ripreso la macchina verso Hunawihr, città delle cicogne e delle farfalle. Da non perdere assolutamente.

Ed ora non poteva mancare la tappa della degustazione. A Riquewihr, dopo un’intensa giornata, ci fermiamo ad assaggiare Sylvaner, Gewüztraminer e Pinot. Semplicemente favolosi! L’acquisto è stato d’obbligo!

Purtroppo il traffico e il tempo non ci hanno permesso di visitare Ribeauvillè ,Bergheim e Strasburgo. Un motivo in più per ritornare in Francia! L’estate continua tutto l’anno nei ricordi del cuore . 🙂

 

 

Annunci

Autunno ad Atene.

Sarà stato il clima mite, le piante ancora in fiore, il cielo azzurro a farmi pensare alla primavera nonostante fosse novembre inoltrato.  Partita munita di mappina per esplorare questa tanto sognata città, mi sono ben presto persa nel dedalo di stradine che la caratterizzano. Ho preferito seguire quei profumi e quei colori che mi ero immaginata sin da piccola piuttosto che un programma definito. Ho trovato tutto quello che cercavo, non desideravo nulla di più. Volevo vedere quell’Atene che tutti i giorni si sveglia con calma e si addormenta a tarda notte. Quindi, non potendo trascurare le meraviglie architettoniche che la contraddistinguono, decido di visitare al mattino L’Acropoli e tutti i siti archeologici più importanti.(consiglio: se volete visitare anche l’antica agorà  e l’agorà romana, acquistate un unico biglietto) per poi dedicarmi a passeggiare tra gli ateniesi.

Ad Atene trovi la commistione delle varie civiltà che l’hanno dominata: dai Greci che l’hanno fondata ai Romani fino ai Bizantini che l’hanno arricchita  di decori scintillanti. Tanti giovani e tantissimi locali caratterizzano il centro di questa città che ha voglia di vivere e di pensare al futuro. I negozietti tipici che affollano le stradine turistiche non storpiano comunque l’identità di questa meravigliosa città grazie alla solarità della sua gente. Se volete rallentare i vostri ritmi questa è una città che fa per voi!

L’Italia dei Borghi, Maremma e non solo.

“Cosa facciamo il prossimo weekend?” . Senza un minuto di esitazione rispondo: “Si va in Maremma!”. Siamo a fine Ottobre. Il clima ancora mite permette una gita fuori porta tra natura e borghi.Scelta la dimora, ricavata da un tipico casale toscano, in una zona centrale a pochi da passi da Pitigliano inizio ad organizzare questo viaggetto che desideravo fare da tempo.  Montemerano dunque rappresenta l’inizio di questa avventura in Maremma. Situato sopra una dolce collina, coltivata ad ulivi, che domina la vallata, questo delizioso borgo medievale è assolutamente da visitare. Le sue strette e tortuose stradine terminano su caratteristiche piazzette. E’ qui che mi fermo ad osservare la quotidianità, le conversazioni di un passante con il suo macellaio, le chiacchiere fatte dalle massaie  mentre stendono il bucato. Mi lascio alle spalle questo delizioso borgo delle meraviglie, perfettamente addobbato per l’occasione in tema Halloween,  per proseguire il mio viaggio “on the road”.

Dopo diversi chilometri di curve e curvette arrivo alle più note Cascate del Mulino, Saturnia. Incuriosita dai racconti, decido comunque di andarle a vedere da vicino. Gremite di gente e di turisti come se fosse il 15 agosto, decido nonostante il clima e il panorama fossero  rilassanti di rimandare il bagnetto nelle magiche acque sulfuree  al prossimo soggiorno.
p1010440
Lascio questo, a mio avviso, troppo caotico luogo per reimmergermi nella tranquillità di Sovana. Decido di fermarmi qui per uno spuntino, anzi per una tipica merenda toscana, in una delle eno-gastronomie che si affaccia sulla piazza principale. Quiete e serenità, nessuna fretta e nessun ritmo frenetico, ecco, questo è quello che cercavo. Passeggio fino in cima al villaggio dove campeggiano i resti dell’importante castello godendo del panorama che si ammira. Le colline intorno sono dipinte con dolci pennellate di colori caldi che sanno di autunno.

Il tramonto mi prende un po’ alla sprovvista mentre sono intenta a camminare e a fotografare i vicoli di Sorano, “la Matera del Nord”, una città ricavata dal tufo costruita su una collina. E’ affascinante ed  è assolutamente meraviglioso fermarsi ad osservare queste dimore costruite con tanta saggezza che hanno saputo mantenere la loro integrità nei secoli. Non vi nascondo che perdersi tra questi vicoletti è assolutamente divertente così come fermarsi ad osservare l’altezza e l’imponenza di ciò che vi sovrasta è assolutamente da mozzafiato.

Un nuovo giorno inizia, è domenica. Mi dicono: “Oggi tutti andranno al mare vista la temperatura”,decido a questo punto di cambiare i programmi saltando la visita ad Orbetello per dirigermi a Capalbio e al “giardino dei Tarocchi”. Capalbio domina dall’alto la maremma più pianeggiante quella che piano piano lascia spazio al mare. Un borgo fortezza medievale, cinto da mura egregiamente conservate.  Volevo dunque raccontarvi la mia esperienza al “Giardino dei Tarocchi” ma ,ahimè, chiude a metà ottobre trattandosi di un’esposizione “en plein air”.

In un  attimo capisco di non essere molto distante dal lago di Bolsena e incuriosita decido di andarci. Ho il piacere di godermi un meraviglioso ed inaspettato tramonto sul lago. La ripida salita tra i graziosi  vicoletti medievali che porta in cima al centro storico di Bolsena  merita quel poco di fatica per visitare la Rocca.

Eccoci, siamo a lunedì. Si ritorna. Prima di tutto uno sguardo a Pitigliano, altra città ricavata dal tufo, esageratamente folgorante. Qui i turisti affollano già dal primo mattino le sue viuzze e le sue piazzette. I negozietti di souvenir presi d’assalto dai turisti stranieri, che di fronte a tante meraviglie e specialità gastronomiche non possono resistere. Degno di nota, il suo grazioso quartiere ebraico, detto la piccola Gerusalemme in cima al quale è situata la Sinagoga. Non posso negarvi che l’imponenza e la grandiosità dell’acquedotto mediceo perfettamente conservato ha attirato la mia attenzione. Saluto Pitigliano ripensando alla Maremma  alle emozioni e alle sensazioni trasmesse da questi luoghi senza tempo, gli stessi che mi hanno accompagnato nei miei viaggi in Provenza.  A Bientot.

Rocamadour sospesa tra cibo e storia

Eccomi alla fugace scoperta di una nuova regione francese. Dordogna significa  soprattutto cibo, storia e natura! Un paradiso di gusti e profumi mi accompagna per tutta la durata della sosta a Rocamadour. Assaggiare tutte le prelibatezze gastronomiche mentre si passeggia tra le viuzze strette ,che prima dolcemente poi rapidamente conducono sino in cima alla città fortificata ,è un’esperienza da vivere . Ancora ricordo la morbidezza dei formaggi, il foie-gras e la torta alle noci . Perdersi come in un girone d’inferno dantesco è d’obbligo in questo delizioso borgo. Arroccato su uno sperone, la sua magnificenza è visibile da lontano a tutte le ore. Tutt’attorno natura, boschi veri di quelli fitti di alberi che ricoprono le montagne circostanti e aquile, sì aquile di quelle che non ti capita di vedere tutti i giorni.Ogni dettaglio di questo villaggio meriterebbe una fotografia, nemmeno il minimo particolare andrebbe dimenticato. Deliziosamente unica.

C’era una volta…

Sono a Carennac. Più di 1000km fatti in un giorno ,partendo da Bologna, per raggiungerla. Situata al centro della Francia alle porte delle più famose località turistiche della Dordogna. Un paese minuscolo, rimasto intatto. Case perfettamente conservate, minuziosamente abbellite da bellissimi fiori colorati, in stile medievale. Sembra veramente di trovarsi in un mondo parallelo, uno di quelli che ogni tanto sogni la notte, quelli in cui ti senti felice perché circondato da un silenzio capace di trasmetterti tanta serenità. Buon viaggio a tutti i viaggiatori sognatori come me!

Bordeaux: la petite ville lumière

Fermi tutti. Ecco la Garonna, imponente come la Senna, ecco Bordeaux.
Mi siedo vicino la riva e osservo gli eleganti palazzi storici che si affacciano sul fiume e i ponti che la attraversano. Penso  subito ad una piccola Parigi. Un giorno è poco per visitarla, purtroppo questo è il tempo che ho a disposizione. Addentrandomi, nel centro storico, mi accorgo come la vicinanza alla Spagna abbia comunque influenzato in parte lo stile di questa meravigliosa città da scoprire ed approfondire. Non potevo esimermi dallo foto di rito al Miroir d’Eau. Ma quanta attesa per aspettare le nuvole d’acqua!! Bordeaux una meta da segnare in agenda!!!

“Davvero sono a Mont Saint Michel?”

“Eccolo!!!” All’improvviso mi appare davanti agli occhi. Fermo la macchina che sto guidando per ammirare questo spettacolo unico.Sono emozionata e penso a come l’ho immaginato fino al giorno prima. Credetemi, chi viaggia,  non ama solo scattare le foto ricordo, ma si immedesima con il luogo. Davanti a me  una campagna  verde incontaminata che si perde nell’oceano dove spicca Sua Maestà.
Ahimè il maltempo non mi ha permesso, se non per quell’attimo, di vedere Mont Saint Michel nella sua totalità dopodichè è stato sommerso da nubi fitte. Non demordo, il giorno successivo, ci arrivo al tramonto evitando così la maggior affluenza di persone che lo visitano e augurandomi che l’alta marea non abbia la meglio. Ci siamo, sono fortunata:  bassa marea e tramonto. Cosa desidero di più ora? Mettere i miei piedini sull’isolotto e arrivare fino in cima!

 

Rouen tra credenze medievali e realtà

Benvenuti in Normandia! Sono a Rouen. Ad accogliermi, a metà agosto, un timido sole ben presto rimpiazzato da nuvoloni minacciosi carichi di H2O. Così a nord in Francia non c’ero mai stata. E’ emozione pura. Percorro strade che sanno di storia, ammiro le chiese in stile gotico, osservo con curiosità il centro storico cosi tipicamente medievale e mi dirigo infine lungo la Senna al tramonto. Rouen è colorata, è allegra, è viva ma è dannatamente umida! Campanili e guglie gotiche si ergono tra case a graticcio e storiche sale da tè. Tutto ha il suo fascino. Non posso dimenticare di aver visto la Cathédrale illuminata da uno spettacolo di luci che merita l’intera visita!

Accadde un anno fa…

Ricordo con piacere quando ho iniziato a programmare l’itinerario di viaggio della scorsa estate. I giorni non erano molti ma sicuramente sufficienti per riuscire a visitare la Bretagna con tutta tranquillità. Sembrava tutto deciso quando all’improvviso, come solitamente accade sempre, stravolgo il progetto iniziale dando forma e personalità alla nuova mia idea. Raccontare, in un unico articolo, i miei 12 giorni trascorsi attraversando Alta e Bassa Normandia,Bretagna, Loira Atlantica e Aquitania, non avrebbe dato la giusta importanza a ciascun luogo visitato. Pubblicherò, a brevissimo, gli articoli che riguardano tutte queste regioni senza  indicarvi il mio esatto itinerario, poiché credo che ognuno di voi abbia la giusta creatività per realizzarlo e per renderlo unico.