L’Italia dei Borghi, Maremma e non solo.

“Cosa facciamo il prossimo weekend?” . Senza un minuto di esitazione rispondo: “Si va in Maremma!”. Siamo a fine Ottobre. Il clima ancora mite permette una gita fuori porta tra natura e borghi.Scelta la dimora, ricavata da un tipico casale toscano, in una zona centrale a pochi da passi da Pitigliano inizio ad organizzare questo viaggetto che desideravo fare da tempo.  Montemerano dunque rappresenta l’inizio di questa avventura in Maremma. Situato sopra una dolce collina, coltivata ad ulivi, che domina la vallata, questo delizioso borgo medievale è assolutamente da visitare. Le sue strette e tortuose stradine terminano su caratteristiche piazzette. E’ qui che mi fermo ad osservare la quotidianità, le conversazioni di un passante con il suo macellaio, le chiacchiere fatte dalle massaie  mentre stendono il bucato. Mi lascio alle spalle questo delizioso borgo delle meraviglie, perfettamente addobbato per l’occasione in tema Halloween,  per proseguire il mio viaggio “on the road”.

Dopo diversi chilometri di curve e curvette arrivo alle più note Cascate del Mulino, Saturnia. Incuriosita dai racconti, decido comunque di andarle a vedere da vicino. Gremite di gente e di turisti come se fosse il 15 agosto, decido nonostante il clima e il panorama fossero  rilassanti di rimandare il bagnetto nelle magiche acque sulfuree  al prossimo soggiorno.
p1010440
Lascio questo, a mio avviso, troppo caotico luogo per reimmergermi nella tranquillità di Sovana. Decido di fermarmi qui per uno spuntino, anzi per una tipica merenda toscana, in una delle eno-gastronomie che si affaccia sulla piazza principale. Quiete e serenità, nessuna fretta e nessun ritmo frenetico, ecco, questo è quello che cercavo. Passeggio fino in cima al villaggio dove campeggiano i resti dell’importante castello godendo del panorama che si ammira. Le colline intorno sono dipinte con dolci pennellate di colori caldi che sanno di autunno.

Il tramonto mi prende un po’ alla sprovvista mentre sono intenta a camminare e a fotografare i vicoli di Sorano, “la Matera del Nord”, una città ricavata dal tufo costruita su una collina. E’ affascinante ed  è assolutamente meraviglioso fermarsi ad osservare queste dimore costruite con tanta saggezza che hanno saputo mantenere la loro integrità nei secoli. Non vi nascondo che perdersi tra questi vicoletti è assolutamente divertente così come fermarsi ad osservare l’altezza e l’imponenza di ciò che vi sovrasta è assolutamente da mozzafiato.

Un nuovo giorno inizia, è domenica. Mi dicono: “Oggi tutti andranno al mare vista la temperatura”,decido a questo punto di cambiare i programmi saltando la visita ad Orbetello per dirigermi a Capalbio e al “giardino dei Tarocchi”. Capalbio domina dall’alto la maremma più pianeggiante quella che piano piano lascia spazio al mare. Un borgo fortezza medievale, cinto da mura egregiamente conservate.  Volevo dunque raccontarvi la mia esperienza al “Giardino dei Tarocchi” ma ,ahimè, chiude a metà ottobre trattandosi di un’esposizione “en plein air”.

In un  attimo capisco di non essere molto distante dal lago di Bolsena e incuriosita decido di andarci. Ho il piacere di godermi un meraviglioso ed inaspettato tramonto sul lago. La ripida salita tra i graziosi  vicoletti medievali che porta in cima al centro storico di Bolsena  merita quel poco di fatica per visitare la Rocca.

Eccoci, siamo a lunedì. Si ritorna. Prima di tutto uno sguardo a Pitigliano, altra città ricavata dal tufo, esageratamente folgorante. Qui i turisti affollano già dal primo mattino le sue viuzze e le sue piazzette. I negozietti di souvenir presi d’assalto dai turisti stranieri, che di fronte a tante meraviglie e specialità gastronomiche non possono resistere. Degno di nota, il suo grazioso quartiere ebraico, detto la piccola Gerusalemme in cima al quale è situata la Sinagoga. Non posso negarvi che l’imponenza e la grandiosità dell’acquedotto mediceo perfettamente conservato ha attirato la mia attenzione. Saluto Pitigliano ripensando alla Maremma  alle emozioni e alle sensazioni trasmesse da questi luoghi senza tempo, gli stessi che mi hanno accompagnato nei miei viaggi in Provenza.  A Bientot.

Annunci

Tra nuvole e silenzio

Era da tanto tempo che aspettavo di salire quasi in cima ad una montagna con le mie gambine. Dopo tanto allenamento speravo di accusare meno fatica, ma quando sei in alta quota a contatto con la natura vera tutto cambia. Con il mio zainetto e le mie scarpine da trekking parto trotterellando e seguo il sentiero che mi porterà al lago di Pilato. Wow!!!!!!! che spettacolo, da 1000 a 1900 mt in 3 ore. Dico tra me e me: “Ce la devo fare!”. Dopo una ripida salita in mezzo ad un fitto bosco scorgo una meravigliosa piana circondata da prati infiniti e montagne altissime. E’ bellissima, mi sento sempre più felice e non vedo l’ora di arrivare alla meta. La camminata continua sempre in salita per 3 ore. Il caldo e l’aria più rarefatta mi stancano un po’ , ma non demordo . ci mancherebbe altro! Finalmente in cima, ammiro questa meraviglioso lago alpino. Trattengo il fiato per un attimo e poi corro giù per toccare l’acqua e rinfrescarmi! Non c’è nulla di più bello . adorabile ed indimenticabile sensazione. Attorno a me montagne ancora coperte dai ghiacciai perenni sovrastate da cielo blu e nuvole bianchissime e sofficissime. Nothing else!

Oggi prendo un treno e vado a Burano!

Nessun pensiero, nessun programma solo la voglia di scappare dal brutto tempo che attanaglia Bologna da più di una settimana. Sono fortunata perché da qui passano tutti i treni che attraversano la nostra meravigliosa Italia.Un’occhiata al meteo e senza ombra di dubbio decido di rischiare per visitare questa meravigliosa isola ormai fotografata in ogni suo angolo. Riconosco in questo villaggio la natura del mio blog. Le emozioni si associano ai colori. Mentre cammino penso a come sarebbe scegliere di abitare in una casa di colore diverso ogni giorno e concludo che sarebbe sicuramente FANTASTICO!  Sono esaltata, estasiata e mi infilo in ogni stradina (alle volte anche nei vicoli chiusi;) )per respirare la città e non solo per fotografarla. Osservo le signore che ricamano i pizzi, i bambini che giocano nel loro cortile sono letteralmente rapita. Burano hai davvero colorato il mio cuore e soprattutto mi hai regalato mille emozioni!!! qualche giorno e arriveranno le altre fotine 🙂

 

!Firenze-Friends-Food!

Firenze a due passi dalla mia Bologna è una città che visito sempre molto volentieri. Respiri la sua importante storia passeggiando tra le stradine, ricche di vecchie botteghe e negozi lussuosi. Ce n’è per tutti i gusti: da Palazzo Pitti ai giardini dei Boboli al di là di Ponte Vecchio,  dalla Basilica di Santa Croce a Piazza Duomo con la cupola del Brunelleschi, il tutto condito da aperitivi cene e colazioni immersi nella cornice di questa splendida città.

 

OstuNI …la città del TUTTO

La faticosa levataccia di un sabato mattina nebbioso del nord Italia è ben presto ripagata e dimenticata di fronte allo spettacolo che  mi appare davanti agli occhi e che intitolerei “E in un attimo è subito primavera”. Dopo quasi 20 anni con un occhio diverso e un’età diversa 🙂 entro in questa città ancora assonnata, con le botteghe chiuse alla ricerca di un café per la mia colazione.  Trovo un laboratorio pasticceria meraviglioso che mi prepara cornetti e me li farcisce al momento con quello che voglio. OTTIMO. Ora mi sento a casa e trovo l’energia per iniziare a scoprire la città bianca. Tutto è meravigliosamente pulito, perfettamente ordinato, fiori curati nei minimi dettagli e pure la biancheria stesa qui ha il suo perché. Mi addentro nei vicoli, mi perdo nelle stradine , tutto brilla, tutto mi abbaglia, la gente chiacchera sulle scale di casa senza invadere l’atmosfera tipica che avvolge questo borgo. Il cielo azzurro intenso che si mette in contrasto con le pareti bianche delle case, illuminate dalla luce del sole, crea un ambiente unico nel suo genere. Ostuni, le mie aspettative erano alte, ma tu le hai superate e questo è TUTTO!!!!

Scopriamola questa ITALIA

Quando visiti un borgo così caratteristico entri in punta di piedi. Tutto è così perfettamente mantenuto. Assapori il tempo che si è fermato e rimani immobile di fronte a quanto ti si scopre davanti agli occhi. Grazzano Visconti, a pochi chilometri da Piacenza, è una delle gemme che appartiene alla mia amata Emilia Romagna. Ora vi lascio fantasticare,  attraverso qualche mia foto su questo luogo magico e misterioso, sperando possiate visitarlo quanto prima per innamorarvene come è successo a me!